Licenziamento per Giusta Causa

Licenziamento per Giusta Causa

Motivi di Licenziamento

Licenziare un Dipendente

I Costi del Licenziamento News Contatti
immagine non disponibile

Licenziamento per concorrenza sleale

Il dipendente che viola il divieto di concorrenza sleale fa venir meno il rapporto fiduciario con il datore di lavoro e può essere licenziato per giusta causa.

Il rapporto di lavoro subordinato impone al dipendente di rispettare alcuni doveri. Il lavoratore è infatti tenuto a svolgere la prestazione oggetto del contratto con precisione ed è tenuto, nei confronti del datore di lavoro, alla fedeltà e alla lealtà

Ne consegue che il lavoratore infedele che rivela dati e informazioni segrete dell’azienda o relative alle procedure, al know how, ai prodotti e ogni altra informazione che l’azienda non vuole divulgare all’esterno viola questi principi e incorre nella sanzione più severa, ovvero il licenziamento per giusta causa. 

La concorrenza sleale: cos’è

Ogni azienda o impresa dispone di un patrimonio immateriale costituito da informazioni, segreti di produzione, know how, dati sensibili che non possono essere divulgati all’esterno per non agevolare i concorrenti. 

Il contratto di lavoro subordinato può espressamente prevedere un divieto, in capo al lavoratore, di divulgare all’esterno informazioni sensibili dell’azienda. Laddove questo non è previsto in modo chiaro il lavoratore è comunque obbligato a rispettare i doveri di fedeltà e lealtà. 

L’art. 2105 del Codice civile prevede infatti che “il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione o farne uso in modo da recare pregiudizio”. 

Nel caso in cui il contratto non menzioni il divieto di concorrenza il riferimento è quindi la lettera dell’art. 2105 c.c.

Infine, esiste inoltre il vincolo fiduciario che deve per forza di cose legare datore di lavoro e dipendente e che è intrinseco al rapporto di lavoro subordinato. 

La concorrenza sleale e il licenziamento per giusta causa

Il dipendente che trasmetta, comunichi o invii dati sensibili e segreti relativi all’azienda, che tratti affari all’insaputa del datore di lavoro o svolga lavoro anche presso l’impresa concorrente – ad esempio abusando di permessi, ferie o congedi – lede il vincolo fiduciario e viola gli obblighi di fedeltà e lealtà. 

Se poi il contratto di lavoro prevede espressamente un divieto di concorrenza il dipendente verrà meno agli obblighi cui è tenuto, commettendo un illecito. 

Nel caso in cui il datore di lavoro si renda conto di tale illecito la sanzione è quella più severa prevista dal nostro ordinamento, il licenziamento per giusta causa, cioè senza preavviso né indennità. 

Questo tipo di licenziamento viene infatti riservato a quelle condotte particolarmente gravi attuate dal dipendente che rendono impossibile la prosecuzione del rapporto di lavoro. 

Il dipendente colpito da licenziamento per giusta causa dovrà quindi interrompere immediatamente la prestazione lavorativa. 

L’imprenditore, oltre al danno derivante dalla divulgazione di informazioni segrete, vede leso il vincolo fiduciario e perde interesse all’esatta esecuzione della prestazione lavorativa. 

Potrà inoltre agire per il risarcimento del danno nei confronti del dipendente infedele. 

Il diritto qui tutelato dal legislatore è quello del datore di lavoro a proteggere l’insieme di informazioni e aspetti su cui si basa il successo commerciale ed economico dell’azienda, che potrebbe venire meno se rivelate ai competitor. 

Riferimenti normativi:

- l. 604/1966

- art. 2105 c.c.

SERVONO PROVE PER LICENZIARE UN DIPENDENTE?
Chatta con noi

Ti potrebbero interessare

immagine non disponibile
Il licenziamento per motivi economici: in quali casi e la procedura
Motivi Licenziamento

Il licenziamento per motivi economici: in quali casi e la procedura

Il datore di lavoro o l’azienda che si trovino in stato di crisi economica possono licenziare il lavoratore: quali sono i casi e le modalità?
immagine non disponibile
Quali sono i principali Motivi di Licenziamento?
Motivi Licenziamento

Quali sono i principali Motivi di Licenziamento?

Quali sono le cause di licenziamento? Un lavoratore può essere licenziato per crisi o riorganizzazione aziendale, per la propria condotta, malattia o invalidità
immagine non disponibile
Licenziamento per Malattia
Motivi Licenziamento

Licenziamento per Malattia

Scopri quando è legittimo il licenziamento del lavoratore in malattia da parte dell'azienda.

Contattaci Online per maggiori informazioni

CHATTA CON NOI

Richiedi informazioni

L’Agenzia investigativa Dogma S.p.A. supporta le aziende reperendo le prove necessarie per giungere al licenziamento per giusta causa.
Richiedi una Consulenza gratuita tramite l’apposito modulo.

Compilando il form confermi di aver preso visione dell'informativa e di aver approvato il trattamento dei tuoi dati per le finalità in oggetto.




X

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie per migliorare la qualità del servizio offerto.
Ti invitiamo a prendere visione dell'informativa sui cookie
Proseguendo nella navigazione del sito, l'utente acconsente alle modalità d'uso dei cookie