Licenziamento per Giusta Causa

Licenziamento per Giusta Causa

Motivi di Licenziamento

Licenziare un Dipendente

I Costi del Licenziamento News
immagine non disponibile

La non reperibilità per la visita fiscale del lavoratore : quando scatta il Licenziamento per giusta causa

Quali sono le conseguenze per il dipendente che non si trova in casa al momento della visita fiscale? Quando viene previsto il licenziamento per giusta causa?

Il dipendente in malattia può essere sottoposto a visita fiscale su istanza del datore del lavoro o dell’Inps e deve farsi trovare in casa negli orari e nelle fasce di reperibilità stabiliti dalla legge. 

Che cosa succede però se il lavoratore non si trova al proprio domicilio quando arriva la visita fiscale? Prima di entrare nel dettaglio facciamo un breve excursus sul procedimento connesso alla dichiarazione dello stato di malattia del dipendente. 

Lo stato di malattia: come funziona e quali sono i passi da rispettare

Il lavoratore dipendente che deve assentarsi dal posto di lavoro a causa di una malattia deve obbligatoriamente farsi rilasciare, dal proprio medico di base, il certificato telematico di malattia. 

Accertato lo stato di malattia, il medico predispone il documento e lo invia telematicamente all’INPS. Il certificato dovrà riportare le generalità del lavoratore, l’indirizzo al quale eseguire i controlli, la prognosi, la data e il luogo, la firma e il timbro del medico e la data di inizio o di continuazione della malattia. 

Spetta al lavoratore comunicare al proprio datore, entro due giorni, il numero di protocollo del certificato telematico di malattia. 

Le procedure di visita da parte del medico fiscale vengono avviate soltanto dopo l’invio del certificato. 

Le fasce e gli orari di reperibilità per la visita fiscale del lavoratore

Il dipendente in malattia è tenuto ad osservare le cosiddette “fasce di reperibilità”, due periodi – uno nella mattina e uno nel pomeriggio - nei quali potrebbe ricevere la visita fiscale e in cui dovrà obbligatoriamente farsi trovare in casa. 

Le fasce, per i lavoratori privati, sono solitamente quella tra le 9 e le 12 e quella tra le 17 e le 19. 

Il lavoratore può ricevere la visita fiscale due volte nello stesso giorno e anche nei giorni festivi o non lavorativi. 

Le sanzioni per il mancato rispetto delle fasce di reperibilità

Il dipendente che risulta assente a una visita fiscale incorre in diversi tipi di sanzione che vanno dalla decurtazione dell’indennità di malattia al licenziamento per giusta causa. La sanzione può essere pecuniaria e consiste nel 100% della decurtazione della retribuzione per i primi dieci giorni di patologia e nel 50% per i giorni seguenti. 

Il dipendente ha tuttavia la possibilità, entro 15 giorni dalla notificata sanzione, di produrre la documentazione o una prova che giustifichi l’assenza

Visita fiscale Inps: quando si verifica il licenziamento?

Il dipendente che risulti assente, senza motivazione o senza aver comunicato la propria assenza, può incorrere nel licenziamento per giusta causa se al contempo la sua condotta costituisce violazione degli obblighi assunti con il contratto di lavoro. 

Il datore di lavoro potrebbe infatti percepire la violazione di quell’obbligo di fiducia posto alla base del contratto di lavoro subordinato. 

La Cassazione – con la sentenza n. 20210 del 2/12/2016 – ha stabilito che il licenziamento per giusta causa è legittimo qualora le assenze del dipendente durante le fasce di reperibilità siano reiterate e non giustificate. 

Il dipendente può allontanarsi dal proprio domicilio anche durante gli orari indicati per la visita fiscale nei casi di forza maggiore e in tutte quelle situazioni che abbiano reso non indifferibile altrove la presenza del lavoratore, ad esempio la concomitanza di visite mediche o accertamenti specialistici purché si dimostri l’impossibilità di svolgerle in orario diverso.  (Tribunale di Bari, sez. lav. 17/2/2020, n. 837).

La Cassazione, con sentenza n.24492 del 1/10/2019 si era già espressa in merito specificando che deve sempre esistere una situazione di improvvisa e cogente necessità alla base dell’indifferibilità della presenza del dipendente in luogo diverso dal proprio domicilio (ad esempio il lavoratore che si debba recare in pronto soccorso per accompagnare un figlio o un familiare).

In definitiva, il dipendente ha l’obbligo di comunicare sempre l’assenza alla visita fiscale e, qualora non lo faccia, graverà comunque su di esso l’onere di provare che l’assenza è giustificata. 


Scopri di più sul licenziamneto per giusta causa nella sezione dedicata.

Servono Prove per licenziare per GIUSTA CAUSA?
Chatta con noi

Ti potrebbero interessare

immagine non disponibile
Infortunio sul lavoro simulato: quando scatta il licenziamento
News

Infortunio sul lavoro simulato: quando scatta il licenziamento

Cosa succede se il lavoratore simula un infortunio? Quali sono le conseguenze e quando scatta il licenziamento?
immagine non disponibile
Il Diritto alla Naspi 2020 nel licenziamento per giusta causa
News

Il Diritto alla Naspi 2020 nel licenziamento per giusta causa

In caso di licenziamento per motivi disciplinari, il lavoratore ha diritto all’indennità di disoccupazione: casistica e importo aggiornato dall’INPS al 2020

Contattaci Online per maggiori informazioni

CHATTA CON NOI

Richiedi informazioni

L’Agenzia investigativa Dogma S.p.A. supporta le aziende reperendo le prove necessarie per giungere al licenziamento per giusta causa.
Richiedi una Consulenza gratuita tramite l’apposito modulo.

Compilando il form confermi di aver preso visione dell'informativa e di aver approvato il trattamento dei tuoi dati per le finalità in oggetto.




X

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie per migliorare la qualità del servizio offerto.
Ti invitiamo a prendere visione dell'informativa sui cookie
Proseguendo nella navigazione del sito, l'utente acconsente alle modalità d'uso dei cookie